Audio ON

Cucina e vini della tradizione trentina a Milano


LE PR0P0STE D’INVERN0

LA DANZA DELLA NEVE E’ NELL’ARIA,LA TERRA,CUSTODE DEI SEMI, DORMESOGNANDO IL SOLE E LA PRIMAVERA.E’ IL TEMPO DI GUSTARE CALDE ZUPPE,POLENTE FUMANTI, CARNI SUCCULENTE,CACCIAGIONI E TARTUFI NERI DI BOSC0,DELICATI PESCI DEI FIUMI E LAGHI FREDDI.PIATTI RICCHI DI TANTA STORIA E POESIA.


LE ENTRATE 15,00

CIUìGA E MORTANDÈLA A LE CORNÀL
ERA UN PIATTO TRADIZIONALE DELLE VECCHIE POSTERIE DI MONTAGNA, DOVENEI PERIODI DI CRISI FACEVANO IL SALAME CON CARNE MISTA A RAPE, LA CIUìGA,MENTRE LA MORTANDÈLA ERA UN IMPASTO DI SUINO INSAPORITO DA VINO ROSSO.RISCOPERTE, ORA SONO PRESIDI DI SLOW FOOD INTERNATIONAL.MISTO DI SALUMI TRENTINI CALDI CON SALSA DI CORNIÒLE SELVATICHEE TORTINO DI POLENTA DI CASTAGNE ALLA SALVIA FRITTA.

STRÙCHEL DE ARTICIÒCHI VEGETARIAN0
ROTOLO DI PASTA DA PANE FARCITO DI CARCIOFI E RICOTTA DI CASERA,CON PESTO D’ ERBA SANTIGOLA E TARTUFO NERO DEL MONTE BALDO.

FEGADÈi ‘N TEL RADìCH DE BIÉN
FEGAT0 GRASS0 D’ANATRA AVVOLTO IN RADICCHIO DELLA VALSUGANAE SPECK, POI GRIGLIATO E SERVITO CON CREMA DI PORRI ALLE NOCCIOLE.

LUZ CO ‘LE ÒSTREGHE
LE OSTRICHE VENEZIANE, TRASPORTATE CON LA NEVE INVERNALE, ARRIVAVANOFRESCHE AI BUONGUSTAI TRENTINI; È UN PIATTO SETTECENTESCO RIVISITATO.PASTICCIO DORATO DI LUCCIO, PESCE DI LAGO, IN SALSA D’ OSTRICHEPROFUMATA D’ ALLORO GARDESANO E CICORINO DELLE VIGNE.

TABIÈL DE LEGN DAL MONT
TERRINA RUSTICA DI FAGIANELLA AI FICHI, SPECK, PROSCIUTTO D’OCA,SALAME DEL CAMINO, CON CROSTINI BRUSTOLITI DI POLENTA AL LARDO,CETRIOLI AGRODOLCI E FUNGHI DI BOSCO SOTT’OLIO.

IVA E SERVIZIO COMPRESI NEI PREZZI, PANE E COPERTO EURO 3,00


LE MINESTRE E LE PASTE 15,00

SUPA POTRìDA DE SAÓR AGRESTO
ZUPPA RICCA DI CARNI AFFUMICATE CON LE ULTIME VERDURE DELL’ORTO,CAVOLI CAPPUCCI, RAPE, BIETOLE E PICCOLI CANEDERLI NEL SUO BRODO.ERA LA CENA ABITUALE DELLA GENTE DI MONTAGNA NELLA STAGIONE FREDDA.

SUPETA DE SELEM DA LA ZOCA VEGETARIANA
DELICATA CREMA DI SEDANO RAPA CON GRANELLA DI PORCINI ESSICCATI,SPUMA DI VERDE DI PORRI E DADOLATA DI POLENTA DORATA.

CANÉDERLI DE SCODEGÒT
NELLA CUCINA POPOLARE NON SI SPRECAVA MAI NULLA, CON IL PANE RAFFERMO,AVANZI DI CARNI, VERDURE E TANTA FANTASIA SI RICAVAVANO DEI PIATTI DELIZIOSI.GNOCCHI DI PANE MISTO A CARNI BOLLITE, COTECHINO E FORMAGGIO,ALL’ INTINGOLO DI MANZO BRASATO E VERZE ALLE NOCCIOLE.

CANÉDERLOTI DE ZUCA BARÙCA
GNOCCHETTI DI PANE DI FARINA DI SEGALE, ZUCCA , SPECK SFILACCIATO,CON FUSIONE DI FORMAGGIO VECCHIO DELL’ ALTIPIANO DELLA VEZZENA.
SENZA LO SPECK DIVENTANO VEGETARIANI.

BIS DI ASSAGGI DI CANEDERLI 18,00

SFOIÀE CONZE DE SELVÀDEGH
LASAGNE SPEZZETTATE DI PASTA DI FAGIOLI, TIPICHE DELLE GIUDICARIE,IN RAGU’ DI FAGIANO AI PINOLI DI CIMBRO ED ERBA CIPOLLINA FRITTA.

CIARÒNCIE AI FÒNCHES DAI CIÒCH
TORTELLI LADINI RIPIENI DI CAVOLI ROSSI E FORMAGGIO SPETZ ‘TZAORìAL BURRO DI SALVIA E FUNGHI INVERNALI DEI CEPPI DEI GELSI.

BìGOI CO LE SARDÈLE, NOSS E MÓLCHE
LE MÓLCHE SONO GLI SCARTI DELLE OLIVE DOPO LA SPREMITURA DELL’ OLIO,DI GUSTO PIACEVOLMENTE AMAROGNOLO ERANO IL CONDIMENTO DEI CONTADINI.SPAGHETTONI AL PESTO DI SARDENE DI LAGO SALATE, NOCI E MOLCHE.

RISS AL MARZEMìN E RAVE TODÉSCHE
RISOTTO ROSSO DI VIN0 MARZEMINO CON ARROSTITURA DI LUCANICAE I TOPINAMBUR, LE RADICI DEI GIRASOLI SELVATICI TRIFOLATE.

PASTE IN BIANCO O AL POMODORO 8,00


LE PIETANZE 23,00

LE CARNI SONO ACCOMPAGNATE DA CONTORNI IDEALI AL COMPLETAMENTO DEI PIATTI.

BRASÀ AL VIN DE SAÙ
NELLE ALTE VALLI, DOVE NON VIVEVA LA VITE, RICAVAVANO UNA SPECIE DI VINOAGRODOLCE DALLE BACCHE STRAMATURE DEL SAÙ, IL SAMBUCCO SELVATICO.SERVIVA OTTIMAMENTE ANCHE PER AROMATIZZARE LE CARNI IN LUNGA COTTURA.MUSCOLO DI MANZETTA GRIGIA ALPINA BRASATO IN VINO DI SAMBUCO,VERZE BRUMATE E POLENTA DI STORO. PRESIDIO SLOW FOOD INTERNATIONAL

RUGANTÈL COI CRAUTI, I CÀVOI GARBI
I CRAUTI, CAVOLI CAPUCCI FERMENTATI, RENDONO IL MAIALE PIU’ DIGERIBILE.CARRE’DI MAIALINO DA LATTE, ARROSTITO IN FIENO DI MONTAGNA,CREMA DI SEMI DI SENAPE, CRAUTI AL CUMINO E PURE’ DI BIETOLE ROSSE.

CARNE SALADA E FASÒI EN BRONZÓN
MANZO SALMISTRATO AL GINEPRO NANO, AFFETTATO FINE E GRIGLIATO,CON UN CONTORNO DI FAGIOLI IN UMIDO ALLA PAPRICA AFFUMICATA.

BÒM VEDÈL A LI ARTICIÒCH TARTUFOLÀI 25,00
LOMBATINA DI VITELLO FARCITA DI FORMAGGIO CASOLÉT DELLA VAL DI SOLE,CON SALSA DI CARCIOFI AL TARTUFO NERO E TORTINO DI PATATE.NEL 1897 TROVARONO NEL ROVERETANO UN TARTUFO NERO DEL PESO DI 1653 GR.UN VERO RECORD E LO INVIARONO IN REGALO AL KAISER, MA ARRIVO’ MARCIO.

TONCO DE CAVRIÓL EMBRIAGÀ
CAPRIOLO IN UMIDO DI VINO NERO TEROLDEGO AI SEMI DI MELAGRANAE POLENTA DI GRANO SARACENO AL BURRO DI ROSMARINO.

ÁNEDRA SELVÀDEGA DE LA TORBÉRA
ANATRA SELVATICA DELLA TORBIERA, INSAPORITA DA LIMONI GARDESANIE TIMO CEDRINO, CON PASTICCIO DI LENTICCHIE VERDI ALLO SCALOGNO.

ÓF A LE OLIVE CO L’ ANDIVIA VEGETARIANO 15,00
UOVO AL BURRO DI OLIVE NERE CON INDIVIA SCOTTATA ALL’ ACETO DI SORBO,SU POLENTINA MANTECATA AL FORMAGGIO ERBORINATO DI CAPRA.

CARNI GRIGLIATE O IN PADELLA A RICHIESTA S.Q.


IL PESCATO 20,00

TRUTÈLA A LA CARBONÈRA
TROTA DI TORRENTE SPINATA, RIPIENA DI FUNGHI ED ERBE AROMATICHE COTTA IN FORNO ALLA MANIERA DEI CARBONAI, AVVOLTA IN FETTINEDI PANCETTA AFFUMICATA E SERVITA SU UN LETTO DI CRUDITA’.I CARBONAI LA CUOCEVANO INFORNATA NELL’ IMBOCCATURA DELLA PIRA.

LUZ EN FRICASÈ DE LIMÓN
BOCCONCINI DI LUCCIO IN SALSA D’UOVO AL LIMONE ED OLIVE MATURE,PATATE E CIME DI CATALOGNA CALDA SALTATE IN OLIO AL BASILICO.

SALMERÍN A LE NOSÈLE
FILETTO DI SALMERINO GRIGLIATO CON SALSA VERDE DI NOCCIOLEE TIMO CEDRINO, SU MORBIDA POLENTA AL FORMAGGIO SPRESSA.

FILETTO DI PESCE IN BIANCO ALL’OLIO, O AL BURRO, O GRIGLIATO 16,00


I FORMAGGI DI MALGA

PIÀTT DE LA BÈLA CASÈRA 14,00

TAGLIERE DI FORMAGGI TRENTINI
SPETZ ‘TZAORì DI MOENA, DETTO IL PUZZONE
SPRESSA MAGRA DELLA VAL RENDENA
ERBORINATO E FRESCO DI CAPRA DEL LOMASO
STRAVECCHIO DELL’ALTIPIANO DELLA VÉZZENA
UBRIACO AL VINO TERÒLDEGO ROTALIANO
CON SALSA DI VINO ROSSO SPEZIATO AL GAROFANO E SENAPATA DI FICHI

A RICHIESTA UNA PORZIONE DI FORMAGGI RIDOTTA 8,00

TARA E POLENTA BRUSTOLADA 4,00
UNA PARTICOLARE LAVORAZIONE DI RICUPERO DEI FORMAGGI TROPPO VECCHI,VENIVANO FATTI MACERARE IN VINO BIANCO MOSCATO CON POCA GRAPPA,DIVENTANDO COSI’ UNA POLTIGLIA GUSTOSA E PICCANTE, LA TARA. ERA LA CENA DEI MENO ABBIENTI, CON TANTA POLENTA INSAPORITA DA POCA CREMA.
SOLO PER CORAGGIOSI, UN CIOTOLINO DI TARA E POLENTA DORATA.


COSE DOLCI E GELATE 7,00

STRÙDEL COL REUBÀRBER
TIPICO DOLCE DI PASTA DA PANE CON MELE RENETTE, UVETTAPASSITA, PINOLI E SALSA PIACEVOLMENTE ACIDULA DI RABARBARO.

TORTÈL DE POìNA E PERI
MORBIDO TORTINO DI RICOTTA, PERE SPADONE E PAN DI NOCCIOLE,CON ZABAGLIONE DI VINO MOSCATO GIALLO DI CASTEL BESENO.

PALACìNCA DE CASTEGNE
E’ LA FAMOSA PALATSCHINKE AUSTROUNGARICA IN VERSIONE MONTANARA.CRESPELLA INTEGRALE FARCITA DI PURÈ DI CASTAGNE SECCHE,CREMA DI MASCARPONE E FIAMMEGGIATA AL LIQUORE DI GINEPRO.

SÀCHER, LA VIENNESE
TORTA DI PAN DI SPAGNA AL CACAO E CONFETTURA DI ALBICOCCHE,RICOPERTA DI CIOCCOLATO, CON SALSA DI MENTUCCIA SELVATICA.

SORBETTO DI LAMPONI AL VINO ROSATO SCHIAVA GENTILE
CON FRUTTI DI BOSCO SCIROPPATI AL PROFUMO DI LIMONE.

GELATO O SORBETTO A SCELTA 6,00


VINO DELLA CASA BIANCO O ROSSO TRENTINO DOC IN BROCCA DA ¼ 6,00
DA ½ 9,00
AL BICCHIERE DA 100CC 3,50


BIRRE TRENTINE COME UNA VOLTA, LEGGERE E NATURALI
DELLA PREMIATA ANTICA BIRRERIA ARTIGIANALE GILMOZZI DI FIEMME
NÒSA, LA NOSTRA, DORATA AL LUPPOLO SELVATICO, SPEZIATA BOTT, 33 CL. 7,00
LÀRIX, ROSSA COME IL LARICE, PROFUMATA E DI GRANDE FINEZZA GUSTATIVA 7,00
WEIZEN, CHIARA, LEGGERA DI MALTO DI FRUMENTO, FRESCA, DISSETANTE 7,00


ACQUA MINERALE DELLA SORGIVA DELL’ ADAMELLO, DA ½ 2,00

CAFFE’, THE ED INFUSI 2,00

GRAPPE FRUTTATE, ALLE ERBE E LIQUORI NAZIONALI 4,00

GRAPPE MONOVITIGNI, INVECCHIATE E LIQUORI ESTERI 5,00-8,00